YouTools-Store | Fresa rotativa metallo duro conica a 90° rivestita TiAlN - taglio 3
Youtools Login I tuoi ordini Preferiti Carrello Ricerca
Carrello
€ 0,00
Youtools Cerca
art. 028NX_3
Stella Bianca

Fresa rotativa metallo duro conica a 90° rivestita TiAlN

taglio 3
Fresa rotativa metallo duro conica a 90° rivestita TiAlN
art. 028NX_3
Stella Bianca

Fresa rotativa metallo duro conica a 90° rivestita TiAlN

taglio 3
Per tutte le operazioni di limatura, asportazione e finitura. Si consiglia l'uso di smerigliatrici assiali elettriche o pneumatiche ad alta velocità (22.000 - 35.000 giri/min)
  • Corpo in metallo duro (Carburo di Tungsteno) micrograna K20
  • Durezza > 90 HRC
  • Disponibili in 2 tagli
  • Ideali per fresare, sgrossare, rifinire e sbavare acciaio, alluminio, acciaio inox, leghe leggere. Si raccomanda l'utilizzo del corretto taglio sulla base del materiale che si intende lavorare e del grado di finitura.
  • Saldobrasatura di alta qualità
  • Gambo ∅ 6 mm
  • Marcatura laser

TiAlN - Nitruro di Titanio e Alluminio

  • 1500 microstratidi 2,5-3,5 micron
  • durezza superficiale molto elevata (3000/3200 HV)
  • riduzione drastica degli attriti (coeff di attrito 0,48)
  • aumento rilevante della produttività (+30/50%)
  • consente l'utilizzo su acciaio inossidabile a secco
  • all'aumentare della temperatura il tagliente non subisce danni fino a 700/800°
  • velocità più sostenute e autocorrezione dell'eventuale errore dell'utilizzatore
  • colore di riferimento: Nero/viola
art. 028N04063X
Diametro testa
4 mm
Lunghezza testa
4 mm
Diametro gambo
6 mm
Lunghezza gambo
40 mm
Preferiti
Disponibilità 3/5 giorni lavorativi 3/5 gg.
€ 19,03 IVA incl.
Q.tà
art. 028N10063X
Diametro testa
10 mm
Lunghezza testa
8 mm
Diametro gambo
6 mm
Lunghezza gambo
40 mm
Preferiti
Disponibilità 3/5 giorni lavorativi 3/5 gg.
€ 21,81 IVA incl.
Q.tà
art. 028N12063X
Diametro testa
12 mm
Lunghezza testa
11 mm
Diametro gambo
6 mm
Lunghezza gambo
40 mm
Preferiti
Disponibilità 3/5 giorni lavorativi 3/5 gg.
€ 26,86 IVA incl.
Q.tà
art. 028N15063X
Diametro testa
15 mm
Lunghezza testa
15 mm
Diametro gambo
6 mm
Lunghezza gambo
40 mm
Preferiti
Disponibilità 3/5 giorni lavorativi 3/5 gg.
€ 30,09 IVA incl.
Q.tà

I tagli

Il taglio 3 è quello di impiego più generale, consentendo di ottenere buoni risultati in una vasta serie di situazioni, anche se lo consigliamo soprattutto per i casi in cui occorre lavorare acciaio temperato o acciaio ad alta resistenza ed è necessario ottenere una superficie priva di imperfezioni.
Il taglio 4 ha la caratteristica di spezzare il truciolo riducendolo in parti più piccole ed evitando così l'intasamento dell'utensile. Questo lo rende adatto all'impiego su materiali particolarmente tenaci.

Le frese rotative in metallo duro Stella Bianca possono essere montate su tutti i principali modelli di smerigliatrici diritte esistenti sul mercato.

Le frese rotative in metallo duro coniche a 90° (articolo 28N) sono caratterizzate dalla grande resistenza: hanno infatti una durezza di 92 HRC. Sono realizzate in metallo duro K10 e sono integrali fino alle teste di diametro 6mm, mentre a partire dal diametro 8mm le teste in metallo duro sono saldate su di un gambo in acciaio speciale. I più moderni metodi di saldatura consentono di ottenere un prodotto di assoluta affidabilità e grande resistenza.
I gambi sono sabbiati per ottenere un miglior grippaggio nel mandrino. Tutte le frese rotative in metallo duro sono riaffilabili e, se vengono rispettate le prescrizioni circa le velocità di taglio, hanno lunga durata.
Le frese rotative in metallo duro Stella Bianca sono disponibili anche nelle versioni TiN e TiAlN. Le frese rotative TiN sono dotate di un rivestimento al Nitruro di Titanio che conferisce loro una notevole durezza e resistenza all'usura e le rende quindi particolarmente adatte alla lavorazione di acciaio e ghisa. Le frese rotative TiAlN, invece, subiscono un trattamento superficiale al Nitruro di Titanio e Alluminio che dona loro particolari proprietà antiattrito e antifrizione e garantisce un minor intasamento dei taglienti. Questa caratteristica ne fa la scelta ottimale per la lavorazione di metalli non ferrosi di difficile asportazione e impastanti. Sono inoltre in grado di sopportare temperature di lavorazione elevatissime (fino ad 800°).
Mimmo a cura di Mimmo - 24/09/2014
Frese rotative in metallo duro
Le frese rotative, o lime rotative, sono degli utensili specifici per tutte le operazioni di limatura, asportazione o finitura. In base al tipo di materiale da lavorare, si può scegliere tra quattro diversi tipi di "taglio", primo parametro da considerare per una scelta ottimale dell'utensile.TAGLIO 1: Ideale per la sgrossatura di acciai non temprati e di leghe leggere, in particolare alluminio. Utilizzabile anche su gomme e materie plasticheTAGLIO 3: Ideale per asportazione su acciai temprati e ad alta resistenza. Tipicamente utilizzato per asportazione di cordoni di saldatura o per operazioni di smussatura o spianatura.TAGLIO 4: Taglio incrociato detto "a diamante". Ideale per lavori di finitura su acciai temprati e per finitura di saldature ad alta resistenza. Truciolo corto per prevenire l'intasamento.TAGLIO 6: Taglio incrociato con ottima capacità di asportazione e buon grado di finitura. Ideale per acciai da utensili e acciai da stampi. Disponibili anche con rivestimento Tin o Tialn, con questa procedura si aumenta notevolmente la durezza superficiale, riduzione drastica degli attriti, maggiore capacità di evacuazione truciolo, con conseguente aumento della produttività.Sono da utilizzare su smerigliatrici diritte, assiali elettriche o pneumatiche ad alta velocità.Tutti i test di lavorazione e durata di queste frese sono stati eseguiti con smerigliatrici diritte STRIKE 500.Le nostre frese rotative possono essere suddivise in tre categorie.Frese rotative in metallo duro forme comuni; esiste un profilo per ogni tipo di operazione di limatura o finitura che dovete eseguire. Frese rotative in metallo duro mod. RADIUS: di elevata qualità e durata. Adatta per creare un raggio definito su angoli stretti e spigoli vivi; il raggio in testa alla fresa aiuta a controllare con facilità l'utensile per prevenire danni sul pezzo. La geometria speciale a taglienti invertiti e il punto d'intersezione tra le due forme dei taglienti permettono un'azione di taglio omogenea su tutte le facce e un rapido taglio del materiale.Frese in metallo duro mod. COMBI: multiuso per l'industria. Ideali per sbavatura, bordatura e asportazione con un unico utensile. Massimizzazione della produttività grazie alla riduzione dei tempi di sostituzione di frese con forme differenti. Disponibile nelle forme combinate tronco conica - lancia raggiata, tronco conica - lancia, tronco conica - conico raggiata, tronco conica - conica.
Leggi l'articolo completo
Valerio a cura di Valerio - 03/04/2014
L'importanza del rivestimento sugli utensili per meccanica
Parliamo di meccanica, in particolare di metalli tenaci. Qual è l'importanza del rivestimento? Partiamo dal principio: il rivestimento è un tipo di finitura degli utensili, trattati con diverse modalità che  conferiscono caratteristiche di particolare resistenza ai materiali.Le procedure più utilizzate e performanti sono le seguenti:  LucidoGli utensili senza alcun trattamento della superficie vengono descritti come "lucidi".Vaporizzazione (Vap)La finitura "brunita" è ottenuta grazie a un apposito trattamento termico detto vaporizzazione che rende l'utensile inossidabile e più resistente, consentendogli di non incollarsi al materiale lavorato, nonché di ottimizzare la lubrificazione in modo da diminuire le possibilità di bloccaggio anche nelle lavorazioni di materiali molto aderenti.Nitrurazione (Nit)Un altro tipo di trattamento utilizzato è la nitrurazione che rende più dura la superficie dell'utensile (circa 1300 HV) e quindi più adatta alla lavorazione di materiali abrasivi come ghisa, leghe di alluminio e silicio; alla nitrurazione viene poi fatto seguire il trattamento di vaporizzazione nel caso l'utensile debba lavorare acciaio e acciaio inox.Rivestimento in Nitruro di Titanio (TiN)Gli utensili ricoperti in TiN presentano sulla superficie un sottile strato (spesso da 1 a 5 micron, ossia millesimi di millimetro) di questo materiale di estrema durezza (circa 2300 HV) che possiede peraltro la caratteristica di produrre minore attrito (coeff. 0,3-0,4) riducendo di quasi un terzo l'energia richiesta per asportare il truciolo. La temperatura massima di esercizio raggiungibile con utensili rivestiti al TiN è all'incirca di 600 °C. Dalla combinazione di queste proprietà del TiN deriva una maggior durata dell'utensile, tempi di lavorazione ridotti, minori interruzioni, nonché minore energia motrice utilizzata a parità di produzione. II rivestimento in TiN viene ottenuto attraverso il procedimento PVD (deposizione fisica a vapore) che consente di ricoprire l'HSS a temperature più basse a quelle di rinvenimento.Rivestimento in Nitruro di Titanio e Alluminio (TiAIN) e di Nitruro di Alluminio e Titanio (Al-TiN)Rivestimento ideale per lavorazioni a secco e materiali abrasivi, avendo come caratteristica un'estrema durezza (3000 HV) e la produzione di un basso coefficiente di attrito (circa 0,4) arrivando a poter lavorare sino a temperature massime di 800 °C. La variante AMN presenta caratteristiche analoghe e si distingue per una presenza di Al superiore al 50%. Questi rivestimenti rendono gli utensili più resistenti all'usura e al calore proteggendo i taglienti e conferendogli maggior durezza e tenacità.Rivestimento in Carbonitruro di Titanio (TiCN)Il rivestimento in TiCN viene ottenuto con un procedimento PVD analogo a quello utilizzato per il TiN , tuttavia le caratteristiche proprie di quest'ultimo materiale sono esaltate col carbonitruro di titanio che presenta una durezza superiore (circa 3000 HV) e un coefficiente di attrito (coeff. 0,2-0,25) ancora inferiore. Si consiglia pertanto l'utilizzo di tale rivestimento per la lavorazione di materiali molto abrasivi quali ghisa e acciai ad alta resistenza (R>1000 N/mm).Rivestimento in Nitruro di Cromo (CrN)Il rivestimento in CrN si distingue per le sue caratteristiche di maggiore adesione all'utensile (con spessori da 2 a 6 micron), durezza (circa 2000 HV), riduzione dell'attrito (coeff. circa 0,5) e stabilità alle alte temperature (sino a 700 °C). La sua applicazione specifica è relativa ai maschi per lavorare materiali come il rame e le sue leghe, ottone e bronzo.Rivestimento in Nitruro di Zirconio, (ZrN)Questo ha caratteristiche analoghe al precedente, ma leggermente superiori sia come durezza (circa 2300 HV) che come coefficiente di attrito (0,45) nonché per temperatura massima (800 °C). E' però più adatto alla lavorazione di allumino e leghe anche ad alto contenuto di silicio e di acciai non legati.Rivestimento in Nitruro di Cromo e Allumino (AlCrN)E' un rivestimento particolarmente prestazionale in grado di resistere a temperature che arrivano sino a 1100 °C offrendo una durezza di 3200 HV e un buon coefficiente di attrito (0,35). Ideale per le lavorazioni che richiedono elevate velocità o a secco. E' un rivestimento molto durevole adatto a diversi tipi di lavorazione con preferenza per acciaio inossidabile e acciai a basso tenore di carbonio.Accanto a quelli proposti c'è da considerare poi l'ampio ventaglio di rivestimenti e trattamenti superficiali brevettati da molti produttori internazionali, che basandosi sui rivestimenti elencati, hanno apportato modifiche e migliorie tese spesso a ottimizzare l'efficienza degli utensili in lavorazioni specifiche.   
Leggi l'articolo completo
Hai consultato le nostre F.A.Q.?
Troverai la risposta alle domande più frequenti dei nostri clienti!
0
Chiudi Questo sito utilizza cookie per finalità statistiche:
queste informazioni non sono condivise con terze parti.
Proseguendo con la navigazione acconsenti a
prestare il consenso alla nostra Cookie Policy